Il nostro organismo brucia zuccheri, carboidrati e grassi con l’ausilio dell’ossigeno, un gas estremamente reattivo.
Punti vendita: Disponibili in farmacia o mediante la ditta Pharmatrans | Hotline per ordini: 00800-8020 8030 o: +31-43-7999 070

I lati oscuri del metabolismo

Nemico numero uno: lo stress infiammatorio

Nemico numero uno: lo stress infiammatorio (reazioni infiammatorie silenti, «silent inflammation») agisce al di sotto della soglia di percezione del dolore e prepara, inosservato, il terreno per le principali malattie croniche senili. In circostanze normali, ogni infiammazione è la risposta del nostro organismo per combattere infezioni e agenti patogeni.

Gli omega 6 sono presenti in quantità eccessive (con un rapporto di 10  –  20 a 1) rispetto agli omega 3.

Tale risposta viene attivata da determinati acidi grassi presenti nell’alimentazione (omega 6) e disattivata dai loro antagonisti naturali (omega 3), a condizione che di entrambi ne venga assunta la stessa quantità. Il problema è proprio questo: gli omega 6 (presenti soprattutto in molti oli vegetali lavorati in modo industriale) sono presenti in quantità eccessive (con un rapporto di 10 – 20 a 1) rispetto agli omega 3 (presenti ad esempio nei pesci, nei semi di lino spremuti a freddo, nell’olio di colza, canapa e nelle noci). Di conseguenza nel nostro organismo sono presenti infiammazioni croniche che non guariscono, perché mancano gli omega 3, i potenti antagonisti che disattivano la reazione infiammatoria.

Solo da un decennio circa si è affermata la medicina anti-age, che si occupa delle conseguenze di questo fattore di rischio. La situazione è davvero allarmante: il nostro organismo brucia zuccheri, carboidrati e grassi con l’ausilio dell’ossigeno, un gas estremamente reattivo e ciò, alla lunga, può avere conseguenze gravi. Le reazioni infiammatorie silenti che possono durare anni o anche decenni sono considerate le cause principali di una serie di malattie croniche con esito mortale. Tali malattie colpiscono milioni di persone e non solo anziani, che sviluppano malattie cardiovascolari, Alzheimer e la crescita incontrollata delle cellule.

Il nostro organismo brucia zuccheri, carboidrati e grassi con l’ausilio dell’ossigeno, un gas estremamente reattivo e ciò, alla lunga, può avere conseguenze gravi.

To top Torna su

 
Clicca qui per continuare la lettura: Numero due: lo stress ossidativo